deutsch       english       español       français      italiano
      にほんご       nederlandse       polska       português        русский      中国人


Il mio Barlavento

Harald Renner

Nel mio cuore ho un'immagine in bianco e nero dell'Algarve. Spesso lo immergo in colori, colorati o in sordina, a seconda di come si presenta. Adorno la foto con storie che cambiano.

Si chiama anche l'Algarve roccioso con le sue pittoresche baie di Barlavento. "Di fronte al vento" potrebbe tradurlo. Mi piace la parola e l'atteggiamento che ne deriva. In "esprime Barlavento", malinconia e sete di vagabondaggio. "Fado" è il nome della musica malinconica di questo paese, che riflette tali stati d'animo.

La metà anteriore della mia foto è stata scattata dall'Oceano Atlantico. Lentamente il surf rotola sulla spiaggia. L'azzurro brillante del mare ondeggia dolcemente e con calma. Oggi non c'è vento che soffia sulle onde.

Nell'entroterra si estende una spiaggia di sabbia fine di venti metri di larghezza. Molte persone affamate di sole si abbandonano al piacere del bagno spensierato. La scena è allegra, sento odore d'estate, voglio fare le valigie. Il sole è alto nel profondo blu del cielo di mezzogiorno. Le ombre sono corte. Vicino alle barche da pesca verde-giallo e arrugginito rosso-oro sulla spiaggia. Sono riconoscibili dall'alto stelo anteriore, anche da lontano.

Rocce color miele caratterizzano il Barlavento. Copre ogni metro quadrato di questa baia rocciosa con edifici. Solo lo sperone roccioso ricoperto d'edera sul lato sinistro dell'immagine lascia trasparire il sottosuolo. La roccia, alta circa cinquanta metri, dà forma e sostegno all'insediamento. A volte queste piccole baie sono paragonate ad anfiteatri. Gli edifici piani e allungati si estendono l'uno sull'altro negli spazi più stretti. Tutti gli occhi della finestra sono rivolti verso il mare.

Le case bianche e disadorne sono funzionali e austere. Esso subordina tutto al vincolo dello scarso terreno edificabile. Al centro dell'immagine domina una muratura fortificata di blocchi di pietra grezza marrone scuro. Le grotte dalla finestra oscura rompono le mura della fortezza. Intorno alle mura le file di case crescevano verso l'alto lungo il pendio. A sinistra dello sperone roccioso si apre la baia. C'è spazio per moderni edifici a più piani con appartamenti per le vacanze.

L'Algarve è sempre stato esposto all'interazione delle maree. I popoli stranieri tenevano la terra occupata. Fenici, Cartaginesi, Cartaginesi, Celti, Romani, Visigoti e molti altri si strappavano il potere l'uno dall'altro. Le mura della fortezza annunciano questo passato movimentato. La gente cerca ancora riparo e sicurezza nelle case bianche quando il mare infuria. Ora i turisti occupano il paese, pacificamente e solo per pochi mesi all'anno. Barlavento è nel mio cuore. Sogno i venti del sud.

Impressum        Riservatezza dei dati      foto: www.pixabay.com