deutsch   english   español   français  italiano
  にほんご    polska   português    русский


Viaggio fuori dall'oscurità (racconto breve)

Brigitte Neumann

L'ultimo treno notturno è uscito dalla sala. La piattaforma era vuota, tranne che per un uomo. Si era acceso una sigaretta e aveva fissato il treno, le cui luci posteriori rosse diminuivano. "Non di nuovo, "Torben borbottò. Un desiderio ardente lo aveva portato a quest'ultimo treno. Aveva sperato in un miracolo che le immagini del passato sarebbero tornate ad essere realtà.

Erano immagini di Tina che salutava mentre guidava verso il suo luogo di studio. Colei che è sempre stata la prima ad uscire dall'ultima portiera dell'auto quando è arrivata. Tina con lo zaino blu consumato sulla schiena, in cui poteva riporre così tanto. Colei che gli è caduta attorno al collo ed è scoppiata con le sue ultime esperienze. "Immaginate," era sempre iniziata.

Torben ha tirato di nuovo la sigaretta, poi ha gettato il ceppo sui binari. Ha brillato per qualche secondo e si è spento. L'orologio della stazione mostrava dalle cinque alle dodici. Un vento gelido e freddo spazzò la piattaforma deserta. L'odore di neve era nell'aria. I primi fiocchi turbinavano spettrali nella luce al neon delle lanterne. Torben si è congelato. Il freddo gli strisciò su per le gambe dei pantaloni e le maniche della giacca e gli portò con sé le immagini dell'orrore.
Erano le foto di quella notte di quasi un anno fa. Anche qui era rimasto al binario e aveva aspettato l'ultimo treno. Ha guidato puntuale, si è fermato e non ha lasciato uscire i passeggeri. A causa di un guasto tecnico, le porte sono rimaste chiuse a chiave. Le luci di un treno merci apparivano dietro il treno. Ha corso sull'ultima macchina senza freni. Torben si lamentava. Ha abbassato la testa, accarezzando la mano destra sugli occhi. Il potere di queste immagini crudeli lo superava sempre più volte, qui sulla scena degli eventi, ma anche nelle notti insonni e nei giorni senza parole. Nessuno con cui parlare.

"No, no, no, no, no, no." battendo le sue tempie ad ogni impulso. E' sceso dalle scale e ha attraversato il corridoio illuminato della stazione ferroviaria. Alcuni teppisti si proteggevano dal freddo. Bottiglie di birra e grappa vuote testimoniano di un'abbuffata.

"Fretta un euro", insultava uno dei giovani vestiti di nero.

L'ha ignorato ed è uscito dall'edificio.

Il vento si era indebolito. La neve ha colato a spesse scaglie sulle case, le strade, i veicoli e le poche persone sulla strada.

Torben ha scrollato le spalle mentre sentiva un tocco di gomito. Il ragazzo gli ha dato la caccia?

"Silenzio, non avrai un centesimo da me!"

"Non voglio un euro", disse una voce femminile da dietro.

"Inga!" Torben si e' girato. "Tu? Come sei arrivato qui?"

La presenza inaspettata della moglie lo fece arrabbiare. Voleva essere lasciato in pace. Di tutti loro.

"Ti stavo cercando."

"Tu? Cosa vuoi da me?"

"Voglio che parliamo di nuovo."

"Lasciami andare. Non voglio parlare con nessuno. "Non con te per niente."

"Perché no?"

"Perché no?" Ha urlato. "E' questo che mi stai chiedendo? perche' lo rendi cosi' facile per te stesso."

Inga ha rifiutato, raddrizzato, ha voluto rispondere, non ha trovato parole. Torben li ha guardati, si è girato e se n'è andato. Non poteva sopportare che sua moglie avesse messo da parte la perdita di sua figlia e che la sua vita fosse vissuta a lungo come se non fosse successo nulla. Per lui questo era l'impensabile - per sempre. Ha accelerato i suoi passi. Inga l'ha seguito.

"Torben!" Lei urlò il suo nome, gli afferrò di nuovo la manica, lo tenne, lo tirò indietro in modo che inciampasse, fece qualche passo in giro e si fermò proprio di fronte a lei. I loro occhi si sono incontrati. Il suo dolore, la sua rabbia e il suo dolore si guardavano in uno specchio pieno di lacrime.

Era Inga? La donna che ha mostrato forza in ogni situazione negli ultimi mesi e non ha mai mostrato debolezza? Il suo guscio di ferro, pieno di dolore e dolore, è stato strappato.
"Inga", balbettava, "stai piangendo?

Lui l'ha attirata. Entrambi avevano delle grosse lacrime sulle guance. Una crisi di pianto l'ha scossa. Mentre lo indossava, Torben sentì attraverso il denso piumino quanto fosse diventata sottile e ossuta Inga, come tremava, come si accarezzava con lui - e quanto desiderasse la sua vicinanza, che lui aveva combattuto per così tanto tempo. L'ha baciata, assaporando il sale delle lacrime e i fiocchi di neve sul suo viso.

"Andiamo a casa", disse. Una coltre di neve intatta e luminosa giaceva sul sentiero buio. Insieme fecero la prima traccia e camminarono mano nella mano verso il nuovo giorno.

Impressum        Riservatezza dei dati      foto: www.pixabay.com