deutsch   english   español   français  italiano
  にほんご    polska   português    русский


Power-napping: pausa pranzo nella stazione di servizio

Che siano vecchi o giovani, uomini o donne - dal lavoratore più duro al desk man - molte persone, al più tardi dopo il pranzo, sperimentano la fatica che riduce le loro prestazioni e la loro concentrazione. Tutta l'energia, si dice, affonda nel tubo digerente. Più il pasto è opulento, maggiore è il bisogno di dormire.

Ma anche chi segue il consiglio di mangiare solo un "pasto leggero" spesso non riesce a resistere alla tentazione di allungare tutti e quattro per almeno cinque minuti e fare un pisolino.

Non è più "bruciato".

Non (solo) lo stomaco pieno, ma il cervello chiama una pausa pranzo come hanno dimostrato gli esperimenti all'Università di Harvard (USA). Nelle attività che richiedono un'alta concentrazione e durante le fasi di apprendimento, il cervello può funzionare meglio se fa delle pause di sonno regolari. Il sonno rafforza ciò che hai imparato e ti rende pronto ad imparare cose nuove. Impedisce di sentirsi "bruciati", perché "il sonno è per tutta la persona ciò che l'avvolgimento è per l'orologio" (Schopenhauer).

Non si applica non si applica non si applica

E coloro che non riescono a trovare né riposo per mangiare né tempo per dormire a mezzogiorno a causa del ritmo frenetico e dello stress della vita quotidiana dovrebbero prendersi una pausa perché il buon cibo e il sonno sano aumentano sia la gioia di vivere e la gioia di vivere e le prestazioni.

Per menti sveglie

Mangiare, bere e dormire sono i bisogni fondamentali più elementari della vita umana, che non possono sostituirsi a vicenda.

Alcune "orge di mezzanotte" sul frigorifero possono anche sostituire la mancanza di sonno.

Se si dorme (né troppo né troppo poco), non si deve combattere la fatica con cioccolato, caffè, tè o cola.

Autore: Brigitte Neumann

Impressum        Riservatezza dei dati      foto: www.pixabay.com