deutsch   english   español   français  italiano
  にほんご    polska   português    русский


La perdita di peso è "in" - le diete sono "out"

"Mai più dieta", molti giurano quando la lotta per i chili persi è stata invano di nuovo poco tempo dopo e le scale sono rivolte verso l'alto. I medici ed i dietisti inoltre avvertono contro i programmi a breve termine per perdita rapida del peso e sostengono la perdita lenta del peso con un cambiamento a lungo termine nella dieta e più esercitazione.

L'equilibrio è importante

Ma questo non è possibile "come se fosse da solo" - anche se le promesse degli esperti a volte suonano in questo modo. A parte i molti non innocui nel lungo periodo, perché nelle loro diete sbilanciate e alla moda come Hollywood, Atkins, Fit for Fun, cura delle uova o altri, ci sono anche piani equilibrati per la riduzione del peso. La dieta di Brigitte è sempre superba, ad esempio nei risultati dei test.

"A basso contenuto di grassi, non il giallo dell'uovo.

Negli ultimi anni, il motto di molti esperti è stato che deve essere a basso contenuto di grassi in particolare - e ha raccomandato la crescente gamma di prodotti a basso contenuto di grassi per il dimagrimento. Tuttavia, con risultati deludenti: meno grassi contengono gli alimenti, più alta è la percentuale di persone in sovrappeso nei paesi industrializzati, secondo studi internazionali. Studi italiani dimostrano che il consumo moderato di burro, panna o salame, ad esempio, facilita la perdita di peso se il numero totale di calorie diminuisce.

Indice glicemico

Le diete Glyx e Montignac sono popolari. Essi si basano sia sull'indice glicemico (IG), che è una misura dell'aumento dello zucchero nel sangue dopo il consumo di un alimento rispetto a quello dopo l'ingestione di glucosio. Secondo la teoria, più basso è il IG di un alimento, più utile è perché l'aumento dello zucchero nel sangue e il rilascio di insulina sono più bassi. L'insulina favorisce lo sviluppo delle cellule adipose. Tuttavia, ci sono ancora poche prove scientifiche che suggeriscono che la considerazione del GI promuove la perdita di peso. Indipendentemente da questo, entrambe le diete sono composte e quindi buone come le altre.

Dimagrante con il cervello

Un cambiamento permanente nella dieta, tuttavia, non inizia sul piatto da solo, ma prima nella testa. Chi si rende conto di cosa, come mangia e quanto si muove, scoprirà dove si trovano le singole "coppe di grasso". E non può evitare di cambiare certi comportamenti - se vuole mantenere il peso desiderato a lungo termine. La piramide alimentare, ad esempio, può fornire un orientamento in questo caso. Non vieta nulla, al contrario di quanto rappresenta piuttosto, come i nostri mezzi per la vita possono essere combinati nelle giuste proporzioni di quantità per il bene della "linea sottile".

Vale la pena di sapere anche questo:

Per molte persone, "voglio rimanere come sono" sarebbe l'atteggiamento più sensato nei confronti del proprio peso corporeo, perché anche il proprio peso è geneticamente determinato e può essere manipolato solo in misura limitata.

Percepire i bisogni del proprio corpo significa anche non sopprimere la fatica, lo stress o la noia mangiando, ma dormire, cercare sollievo o attività significative.

Autore: Brigitte Neumann

Impressum        Riservatezza dei dati      foto: www.pixabay.com